I progetti delle scuole

Acquedotti

Il progetto "La scuola adotta un monumento" ha l'obiettivo di arricchire la consapevolezza degli studenti sul patrimonio storico-artistico che li circonda e di creare una maggiore sensibilità verso i problemi della sua salvaguardia e valorizzazione.

L'acquedotto Vergine, in particolare, e gli altri acquedotti a Est di Roma sono stati scelti come oggetto di studio perché, pur ampiamente studiati da insigni specialisti del settore, sono, per contro, praticamente sconosciuti agli abitanti dei quartieri che attraversano. Per questo motivo la ricerca sull'argomento in questione da parte di alcune classi dell'istituto "GIORGI", guidate dai loro insegnanti, riveste un valore non solo didattico e pedagogico ma, più ampiamente, culturale e sociale.

Il percorso è iniziato con l'analisi dei resti ancora visibili degli antichi acquedotti per arricchirsi, poi, con l'esame dei periodi storici, delle tecniche di costruzione e di quelle idrauliche. Sono state, inoltre, studiate le realizzazioni legate all'utilizzo delle acque fornite dagli acquedotti: terme e fontane. Per quanto riguarda le tecniche idrauliche, di grande interesse si sono rivelati i reperti idraulici conservati nell'Antiquarium comunale, di cui gli studenti hanno potuto analizzare la natura e il funzionamento solo tramite pubblicazione specializzata. Bisogna infatti sottolineare lo stato di abbandono in cui questi reperti sono tenuti, chiusi nei magazzini dei musei comunali e quindi inaccessibili a visite di carattere culturale e/o didattico.
Questa situazione limitante ha fatto nascere l'idea di realizzare una esposizione virtuale dei reperti idraulici (pompa, vasche, valvole) nella speranza che il Comune, promotore del progetto, si senta sollecitato in futuro a occuparsi della visibilità di questi reperti di cui alcuni sono pezzi veramente rari (come ad esempio la pompa idraulica e alcune valvole).
Un ringraziamento speciale va all' ACEA che ha provveduto al reperimento di testi, in alcuni casi di enorme valore documentario, e si è dimostrata disponibile nelle diverse situazioni attraverso il proprio ufficio "Relazioni Esterne e Comunicazione".

Professori:

Giorgio Denaro (referente), Umberto Ciaschi, Fabrizio Mozzetti, Luciana Ottaviani, Giulio Pancini

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso.